in casa » Risoluzioni » RISOLUZIONE SULLA RIFORMA DELLA PAC 2020 - ASSISES 2017 - Strasbourg

RISOLUZIONE SULLA RIFORMA DELLA PAC 2020 - ASSISES 2017 - Strasbourg

Tuesday 11 Jul 2017

Le 11 Jul 2017 -

Strasbourg - ASSISES 2017

ASSISES 2017

10 - 12 luglio 2017

Strasbourg

 

RISOLUZIONE SULLA RIFORMA DELLA PAC 2020

 

Considerando l’importanza socioeconomica del settore e le potenziali conseguenze della prossima riforma della PAC sul suo futuro,

Considerando la scomparsa, nel 2009, dell’OCM-Vino specifico, la sua integrazione nell’OCM unico e la tendenza a voler applicare regole identiche per ogni produzione agricola,

Considerando le scelte fatte dal settore, di mobilizzare cioè i sostegni europei in favore di una politica attiva d’investimento (vigneto, cantina, sviluppo dell’esportazione) ed i risultati di tale politica,

Considerando che gli strumenti esistenti non sono sufficienti a far fronte alle incertezze climatiche, economiche e sanitarie,

Considerando che la prossima riforma della PAC dovrà inoltre rispondere in maniera più adeguata alle aspettative societali (ambiente, cambiamenti climatici, lotta alle nuove malattie),

 

L’Assemblea delle Regioni Europee Viticole (AREV) chiede alla Commissione Europea di realizzare uno studio d’impatto che consideri, settore per settore, le potenziali conseguenze delle sue proposte e chiede l’impegno a condurre una concertazione a stretto contatto con i professionisti del settore e le regioni viticole europee,

Rileva il valore unico della viticoltura e veglierà al mantenimento delle regole specifiche che si applicano a questo particolare settore (regolamento, politica di qualità, etichettatura, organizzazione della filiera, ecc.)

Chiede alla Commissione di assicurare la perennità dei programmi nazionali d’aiuto con un bilancio che consideri il dopo 2020, indipendentemente dalle incidenze di bilancio del Brexit,

Ricorda che richiede, oramai da anni, la creazione di un «Osservatorio vitivinicolo europeo»,

Difende, tenendo conto dei cambiamenti climatici e delle loro conseguenze, un accesso da parte della viticoltura a strumenti di gestione dei rischi e richiede al Consiglio ed alla Commissione di sostenere la posizione del Parlamento Europeo che mira a migliorare l'attrattività del sistema di assicurazione del raccolto,

Chiede un aumento dei fondi allocati alla ricerca, per lottare contro le malattie della vigna, specialmente le malattie del legno. 

carica file